Home » app »

WhatsApp messaggi vocali gratis in arrivo

 

Cos’è WhatsApp? Si tratta di un servizio di messaggistica ormai celebre in tutto il mondo, che consente a chiunque di scambiarsi messaggi istantaneamente in maniera decisamente semplice. Si potrebbe quasi paragonare questa app all’ormai defunta chat di MSN che, come Whatsapp, consentiva di scambiare parole e dati in breve tempo. L’avvento degli smartphone e dei tablet ha però cambiato le regole del gioco, raggiungendo un nuovo stadio del concetto di portabilità, ben al di là di quanto offerto dai pc portatili. Il grande successo ottenuto da questa applicazione ha portato allo sviluppo di molte altre, che tentano di spodestarla dal trono grazie all’aggiunta di particolari funzioni, spesso superflue, che potrebbero stuzzicare l’appetito di alcuni utenti.

L’app che più di tutte si è guadagnata il titolo di anti-Whatsapp è di certo WeChat che, dopo aver spopolato in Cina, sta tentando l’assalto ad Europa e America, sfruttando per le proprie pubblicità televisive un testimonial d’eccezione quale Leo Messi. Ciò che WeChat offre sono un’integrazione a Facebook, l’uso del proprio smartphone come fosse un walkie tolkie e i QR Code. Ciò che però maggiormente conta in questo ambito è la diffusione dell’applicazione. L’utenza media infatti tende a scaricare le app che sono già state scaricate dagli amici e in tal senso, oltre ad offrire un ottimo servizio, Whatsapp, tra Europa e America, è ancora al primo posto, tanto da essere una delle prime app scaricate sugli smartphone appena acquistati. Pare dunque che il passaggio della corona sia ben in là dall’avvenire.

Ultime novità

Dopo la ribalta guadagnata da WeChat che, tra le varie funzioni offre anche quella di trasformare il proprio smartphone in un walkie talkie, Whatsapp ha deciso di non restare a lungo a guardare, offrendo ai propri utenti qualcosa di molto simile. L’ultimo aggiornamento dell’app consente agli utenti di scambiarsi dei messaggi vocali tramite il push to talk. In pratica si potrà registrare la propria voce, anche se non per molto tempo, e inviare il messaggio in un istante a chi c’è dall’altra parte. Com’è ovvio che sia l’altro utente in questione sarà poi libero di scegliere il metodo a lui più congeniale per rispondere, inviando anch’egli un messaggio vocale, scrivendo semplicemente qualcosa o inviando foto o altri dati. E’ decisamente strana la sensazione che dà il fatto che queste nuove e potenti tecnologie guardino così al passato per rinnovarsi e offrire al proprio pubblico qualcosa che risulti allo stesso tempo familiare ma stranamente futuristico.

WhatsApp messaggi vocali

Il successo

Alle spalle di Whatsapp ci sono due ex dipendenti di Yahoo, ovvero Jan Koum e Brian Acton che, con il dilagare degli smartphone, hanno ben pensato di offrire al pubblico mondiale ciò di cui aveva bisogno, ovvero un’applicazione che fosse in grado di mettere in contatti tutti, ovunque si trovino, semplicemente sfruttando una connessione dati o wifi. Whatsapp ha fatto il suo debutto sul mercato soltanto nel 2009, anche se ormai pare di utilizzarla da una vita, e con il tempo ha implementato il proprio pacchetto servizi, arrivando a offrire, oltre allo scambio di messaggi istantanei, anche quello di foto, video e registrazioni audio. In pochissimo tempo l’app si è guadagnata l’accesso a qualsiasi sistema operativo e un’agguerrita schiera di rivali. I numeri però sono ancora decisamente dalla sua parte, con circa trecento milioni d’utenti attivi e ben trentuno miliardi di messaggi scambiati attraverso questa piattaforma ogni singolo giorno.

Push to talk

E’ ancora impossibile prevedere come il pubblico reagirà a tale aggiunta, dal momento che il suo inserimento è avvenuto di recente. Ad ogni modo si tratta di un’opzione in più, il che di certo non può far dispiacere nessuno, che non influirà in alcun modo con la semplice interazione con l’app.

Piuttosto in questo modo si potranno non soltanto rivivere i tempi in cui da ragazzini ci si divertiva a scambiarsi messaggi in codice con i walkie talkie, con la possibilità stavolta di ampliare il raggio di ricezione a livello globale, ma anche sfruttare Whatsapp, almeno per le breve conversazioni, al posto di Viber. A differenza di Viber però in tal caso la conversazione sarebbe più multimediale, con la possibilità di alternare scritto e parlato, corredando il tutto con foto, video ed emoticons.

La concorrenza dunque, almeno per il momento, pare proprio debba accontentarsi di lottare unicamente per la medaglia d’argento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
WhatsApp messaggi vocali gratis in arrivo  

Tag

,

Articoli simili

Autore

La redazione di opinionZine è composta da professionisti, giornalisti e blogger specializzati nei settori di competenza.

 
 

Nessun Commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

 
 

Lascia un commento