Ubuntu Phone OS, il nuovo sistema operativo Mobile

 

Uno smartphone è spesso ormai il device principale di chi interagisce in rete, ed anche gli utilizzi professionali sono in costante crescita. Logico che anche i sistemi open source si stiano muovendo in questa direzione, ed anche una versione particolarmente amata di Linux, Ubuntu, è ora disponibile anche per i dispositivi mobili. Stiamo parlando di Ubuntu Phone OS, pensato esplicitamente per gli smartphone, utilizzabile ora anche su device diffusi come il Samsung Galaxy S3.

Come spesso accade nella filosofia open source, Ubuntu Phone OS presenterà alcune parti incomplete, che potranno poi essere integrate grazie all’aiuto e al lavoro degli sviluppatori. Al momento però il sistema operativo è comunque disponibile per smartphone e tablet. Il successo di alcune linee, come il sopra citato Galaxy di Samsung, hanno contribuito all’esplosione definitiva degli smartphone, con sistemi operativi come Android ed iOS di Apple.

Impossibile pensare che anche Ubuntu non sarebbe prima o poi entrato a far parte del club, anche se la strada da percorrere sul piano dello sviluppo è ancora lunga dato che mancano ancora delle funzionalità base come l’utilizzo del software center di Ubuntu senza contare i possibili inconvenienti relativi anche a consumi eccessivi della batteria.

Ad ogni modo è anche vero che il progetto sta andando avanti a passi rapidi, se si pensa che Canonical aveva annunciato lo sviluppo di un sistema operativo Ubuntu basato su kernel Linux per smartphone e tablet solo lo scorso due gennaio, e nel giro di un mese e mezzo si è arrivati alla versione da poter testare in anteprima su Samsung Galaxy S3. Una novità che ha tenuto banco anche nel corso del Mobile World Congress di Barcellona, soprattutto per mostrare le potenzialità di Ubuntu Phone OS, proprio per mettere gli sviluppatori in condizione di realizzare applicazioni  tese a garantirne la maggiore diffusione e compatibilità possibile.

Parlando più strettamente delle caratteristiche e delle funzionalità del nuovo Ubuntu Phone OS, si può dire che si tratta di un sistema pensato esplicitamente per governare tutte le caratteristiche di un dispositivo, dalle funzioni del telefono, al desktop, dal cloud alle funzionalità legate alla TV. Tutte queste applicazioni sono attivabili attraverso touchscreen, sul lato più a sinistra nel display viene visualizzato il menu rapido, ovvero quello legato alle applicazioni più utilizzate dal singolo utente, menu anche personalizzabile a seconda delle proprie esigenze.

Accedendo al menu principale invece, oltre ai file recenti che si possono richiamare con un singolo touch, si può accedere al pannello che governa contatti e rubrica, quindi le varie applicazioni e le sezioni dedicate a file musicali e file video. Comoda la funzionalità che permette, scorrendo con il dito a sinistra sul touchscreen, di accedere direttamente al menu delle applicazioni, mentre in alto è comodamente segnalato la funzionalità ed il menu degli status riguardanti la batteria residua, il volume, l’orologio, l’ampiezza del segnale wifi e tutte quelle indicazioni di servizio indispensabili per uno smartphone.

In basso saranno presenti invece le indicazioni relative alle applicazioni che sono in funzione. Ubuntu Phone OS prevede anche un sistema di controllo vocale, con una serie di funzionalità attivabili attraverso dei comandi preordinati, ed avrà anche un sistema cosiddetto di “docking support”, che potrà permettere allo smartphone o al tablet sul quale viene utilizzato di essere collegato a supporti esterni come monitor e tastiera, rendendolo di fatto all’occorrenza un vero e proprio computer portatile. Al momento del lancio sono già disponibili le app principali sul mercato, dai social network come Facebook e Twitter, fino alla posta di Gmail: altre ne seguiranno, come anticipato in precedenza, grazie al lavoro degli sviluppatori.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Ubuntu Phone OS, il nuovo sistema operativo Mobile  

Tag

, ,

Articoli simili

Autore

La redazione di opinionZine è composta da professionisti, giornalisti e blogger specializzati nei settori di competenza.

 
 

Nessun Commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

 
 

Lascia un commento