Olivetti dal ’64 al 2012. Le novità presentate a Smau

 

Smau, una delle fiere più longeve, è nata nel lontano 1964, quando nemmeno le madri dei nostri lettori erano ancora venute alla luce e si è evoluta e modificata nel tempo seguendo le innovazioni tecnologiche e le tendenze del mercato. Nata con il nome di Salone Macchine e Attrezzature per Ufficio, quando l’oggetto del desiderio, era la Lettera 32 – costo di 46.000 lire – la macchina da scrivere portatile di Olivetti, amata dai giornalisti di tutto il mondo per le sue dimensioni compatte, la fiera ha saputo assecondare le innovazioni tecnologiche fino a diventare nel 1993 un evento per tutti e non solo per gli addetti ai lavori. Erano i tempi in cui entrando a Smau si trovavano non solo prodotti per l’ufficio, ma anche videogiochi e tutte le ultime diavolerie tecnologiche che negli anni ‘90 hanno trasformato Smau da un evento business a una sagra di ragazzini indiavolati e urlanti a caccia dell’ultimo gadget. Dal 2006, vuoi la crisi del settore, vuoi che il popolo degli zainetti aveva fatto allontanare gli utenti business, il vero pubblico interessante per Smau, la fiera è ritornata alla sua formula iniziale rivolgendosi esclusivamente ad un target business.

Lettera 32 Olivetti

E dagli anni ‘60 fino ad oggi Olivetti, pur avendo perso la sua leadership di mercato, continua ad essere presente con i suoi prodotti, dimostrando capacità di innovazione.

Olipad Graphos, espressamente disegnato per la firma digitale, è un tablet capacivo da 8’’ che funziona sia in modalità touch, sia con la speciale penna in dotazione, sensibile alla pressione, alla velocità, all’accelerazione e al ritmo, per un tratto unico e personale, riconoscibile da un perito calligrafico. Le applicazioni sono tutte quelle in cui sia necessaria una firma a valore legale, come ad esempio la stipula di un contratto in formato pdf, a cui è possibile apporre una firma a tutti gli effetti riconosciuta in termini di legge. Per garantirne la sicurezza ed evitare usi fraudolenti, è un prodotto che viene venduto solo all’interno di progetti di firma grafometrica a valore legale che possano certificare che il documento e la firma siano univocamente legati, per questo Olipad Graphos è dotato di un lettore di impronte digitali che garantisce l’accesso sicuro da parte del legittimo proprietario.

Olipad Graphos

Olipad 3, è il tablet capacivo 10.1” dalle alte prestazioni, con sistema operativo Android 4.0 IceCream Sandwich processore Nvidia Tegra 3 Quad Core, doppio range Wi-Fi a 2.4 e 5 GHz, slot per l’inserimento della Sim Card, della micro card SD per l’espansione di memoria, porta micro Usb con adattatore in dotazione da micro Usb a Usb per l’inserimento di chiavette, connessione dock station, webcam frontale da 2 Mp, posteriore da 8 Mp con flash e auto-focus per un peso inferiore ai 570 grammi. Viene distribuito solo nei concessionari Olivetti ad un prezzo di circa 450 euro.

Olipad 3 Olivetti

Ma la novità assoluta presentata da Olivetti a Smau 2012 è OlibookT14, un ultrabook touch che sarà lanciato sul mercato nel mese di novembre. Pensato per il sistema operativo Windows 8, ha uno schermo capacitivo da 14’’ e un disco SSD da 240 Gb in soli 21 mm di spessore. Unico punto a sfavore è il peso che si aggira su 1,8, Kg, contro 1,3/1,4 Kg degli ultrabook di pari categoria. Il peso si è reso necessario per garantire stabilità all’Olibook e per evitarne il ribaltamento al tocco dello schermo. Sempre per questo motivo il case è stato realizzato totalmente in alluminio.

Olivetti Olibook T14

(la foto di Olibook, l’abbiamo rubata a Notebook Italia)

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Olivetti dal ’64 al 2012. Le novità presentate a Smau  

Tag

, ,

Articoli simili

Autore

Con una laurea di architettura orgogliosamente appesa nella stanza da bagno, ha deciso di votarsi al mondo della comunicazione, nel quale bazzica da qualche anno. Appassionata di tecnologia e social media tanto da farne la sua occupazione principale e con un occhio sempre attento all'ambiente, si aggira per il web con diverse facce, ma con un unico nome.

 
 

2 Commenti

  1. Giulia scrive:

    Anch’io con una laurea in Architettura lasciata nel cassetto mi sto aggirando nel settore della comunicazione 3d interattiva!speriamo che almeno questa,vada bene!:-)

 
 

Lascia un commento