Google Maps torna disponibile per Windows Phone

 

Alla fine, con Google Maps si riesce sempre a fare pace, almeno momentaneamente. C’era riuscita Apple, dopo una lunga controversia che era sfociata col ritorno dell’applicazione sugli iPhone dopo un periodo di “oscuramento”: il cattivo funzionamento di “Maps”, l’app nativa sul sistema operativo iOS 6, aveva infatti messo in grande difficoltà l’azienda di Cupertino, costringendola ad un rapido dietrofront riguardo l’embargo per Google Maps sul melafonino.

Persone che in Australia erano andate in cerca di amene cittadine di provincia per poi trovarsi catapultate nel deserto in piene condizioni di emergenza, avevano portato il CEO Tim Cook a più miti consigli, rimettendo in sella Google Maps anche su iPhone, in attesa delle necessarie correzioni su “Maps”.

Ora, la più popolare applicazione di mappe in rete torna disponibile anche per Windows Phone. Per gli smartphone supportati dal sistema operativo di casa Microsoft, infatti, Google aveva da diverse settimane reso indisponibile la sua app: per gli utenti che cercavano di accedere a Google Maps su Windows Phone, si attivava un reindirizzamento che, semplicemente, riportava all’home page del motore di ricerca di Mountain View.

Si era immediatamente pensato, per spiegare questo singolare malfunzionamento, ad un problema di natura tecnica, che Google aveva diplomaticamente confermato, parlando di una probabile incompatibilità delle mappe con la versione mobile di Internet Explorer, e sottolineando che ci si era già messi al lavoro per cercare di risolvere la questione. I bene informati avevano però al contrario insinuato un vero e proprio comportamento di “ripicca” da parte della grande G nei confronti di Microsoft ed il suo smartphone: uno screzio spiegabile dalla volontà dell’azienda di Mountain View di rendere indisponibile un’applicazione popolare come Google Maps per quei dispositivi che non supportano il sistema operativo targato Google, ovvero Android.

Non sarebbe d’altronde la prima volta che tra i due colossi dell’informatica non scorre buon sangue: Windows Phone aveva infatti già avuto problemi di visualizzazione con Gmail, che peraltro si accentueranno nel prossimo futuro. A partire dal 30 gennaio infatti la posta di Google non sarà più compatibile con Microsoft Exchange, e per continuare ad utilizzarla sarà necessario utilizzare lo standard IMAP. Un’altra scelta che sembra tesa a mettere i bastoni tra le ruote allo sviluppo degli smartphone dell’azienda di Redmond.

Una polemica che Microsoft aveva esteso anche alla mancata realizzazione di un’applicazione specifica per Windows Phone, che permettesse una visualizzazione rapida e funzionale di Youtube: una scelta che era stata vista sempre come una sorta di “sabotaggio trasversale”, ma anche un’accusa che Google aveva rapidamente rispedito al mittente, ricordando come Windows Phone fosse al momento ancora troppo poco diffuso per giustificare lo sforzo industriale della realizzazione di un’applicazione dedicata, e di come Youtube fosse comunque visualizzabile tramite l’URL dedicato ai dispositivi mobili.

Giustificazione non gradita da Microsoft, ed il botta e risposta tra le due aziende era andato avanti per molto tempo, fino a questo nuovo capitolo dedicato a Google Maps, che Google ha risolto parlando ufficialmente di miglioramenti sulle caratteristiche di Internet Explorer Mobile, che hanno permesso il ritorno della compatibilità di Google Maps su Windows Phone. Precedentemente alcune funzionalità dell’applicazione, come ad esempio lo zoom, non erano ancora state ottimizzate, e dunque Google aveva preferito reindirizzare verso la pagina del motore di ricerca per permettere agli utenti di effettuare ricerche di tipo locale. Una pace dunque almeno momentanea tra i due colossi della tecnologia, in attesa dei futuri sviluppi.
D’altronde Google, dopo aver acquisito Motorola, sta ormai da diversi mesi intraprendendo la strada dell’esclusività per le proprie creazioni. Si è già parlato della possibilità che Android possa supportare esclusivamente nel futuro lo smartphone costruito proprio da Mountain View, un prototipo al momento denominato “X Phone”, che avrà come obiettivo piegare la concorrenza di Apple e Samsung. Anche le difficoltà nell’utilizzo di applicazioni come Google Maps o della posta Gmail potrebbero essere considerate all’interno di questa strategia. E’ dunque probabille che l’offensiva di Google sul mercato diventerà presto a trecentossessanta gradi, e quando l’”X Phone” verrà messo in commercio, difficilmente la grande G continuerà a lavorare con disinvoltura per la concorrenza.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Google Maps torna disponibile per Windows Phone  

Tag

, ,

Articoli simili

Autore

La redazione di opinionZine è composta da professionisti, giornalisti e blogger specializzati nei settori di competenza.

 
 

Nessun Commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

 
 

Lascia un commento