Fujitsu trasforma la carta in un touchscreen

 

Tutti noi oggi siamo abituati a usare gli schermi touch dei nostri smartphone e tablet. Questa tecnologia è entrata qualche anno fa nella nostra vita quotidiana, investendo ogni singolo aspetto della vita quotidiana. I big dell’elettronica, come Apple e Samsung, stanno già preparando la prossima mossa, con gli schermi per cellulari flessibili. Ma perché lasciare la prerogativa del touchscreen ai soli smartphone e tablet? Perché non applicarla, ad esempio, ai libri (e non parliamo di ebook reader, ma di libri veri) o alla carta?

E’ quello che sta tentando di fare Fujitsu, la famosa azienda giapponese leader dell’IT, che sta sviluppando una speciale tecnologia in grado di trasformare ogni superficie in un touchscreen. Tutto ciò che le vostra dita toccano nella realtà diventa virtuale. Sembra fantascienza, ma a quanto pare si tratta di un progetto non solo fattibile, ma anche molto avanzato nella sua progettazione. A riportare questa news che sicuramente renderà felici gli appassionati di tecnologia è il portale DigInfo.

Taichi Murase, uno dei ricercatori del Fujitsu’s Media Service System Lab, ha commentato la notizia dicendo che questo sistema non utilizza un hardware particolare, ma solo un device, come le più comuni webcam, con l’aggiunta di un proiettore commerciale. Le capacità e potenzialità di questo nuovo e interessante prodotto sono determinate soprattutto dalla tecnologia di elaborazione delle immagini che a quanto pare sta facendo passi da gigante nel mondo dell’Information Technology.

Lo stesso Taichi Murase, in un video di presentazione che mostra il funzionamento di questa speciale tecnologia, spiega che l’obiettivo principale è di dimostrare che la carta, così come tanti altri oggetti, possono essere manipolati semplicemente toccandoli, esattamente come avviene con i touchscreen. Si potrebbe dire, giustamente, che non c’è nulla di nuovo sotto al sole, visto che la tecnologia touch è largamente utilizzata sui nostri dispositivi mobile. Ma questo nuovo sistema ideato da Fujitsu va oltre e punta dritto al futuro: la differenza sostanziale sta nel fatto che, con questa nuova interfaccia, non si utilizza un pc o uno smartphone che già hanno un hardware e un software predisposti a questo scopo (l’uso del touch), ma semplicemente si tocca qualsiasi oggetto in modo diretto, con il solo utilizzo di una webcam e di un proiettore.

Anche il funzionamento è immediato e semplice: basta appoggiare l’oggetto su una piattaforma e selezionare con le dita l’area che si vuole copiare o salvare poi sul proprio pc. Il bello di questo nuovo sistema è proprio questo: prendendo un libro, diventa facilissimo selezionare qualche immagine oppure dei frammenti di testo scritto, evitando così di complicarsi la vita con scannerizzazioni domestiche oppure evitando di fare strada per raggiungere la prima copisteria disponibile. Per non parlare del risparmio di tempo: utilizzare questa tecnologia fa si che il salvataggio delle aree selezionate sia immediato. Anche il rilevamento dell’immagine è molto veloce, tanto da durare solo pochi secondi. Il sistema, inoltre, è progettato per non reagire nel momento in cui si vanno a fare gesti comuni sul tavolo utilizzato per la cattura delle immagini. Tutto questo ci fa pensare che nel campo della tecnologia è vicina una vera e propria rivoluzione, che può interessare non solo gli ambienti domestici ma soprattutto le aziende.

Le aree e le immagini salvate possono essere messe in memoria su un pc o un dispositivo di storage esterno, per essere utilizzate come e quando volete. Un’altra particolarità di questa tecnologia sviluppata da Fujitsu è data dal fatto che riesce a funzionare e a svolgere egregiamente il suo lavoro anche su superfici curve o irregolari. Questo fa si che il salvataggio delle immagini possa avvenire anche su libri aperti, senza il rischio di perdere qualche dato o di avere file finali parzialmente leggibili, come accade spesso con le scannerizzazioni.

Per quanto riguarda un’eventuale messa in commercio, la Fujitsu non nasconde di avere le idee molto chiare in testa. Questo modello presentato in video è un prototipo, una specie di versione beta da far provare a una selezionata cerchia di utenti per valutarne le potenzialità e gli eventuali difetti. Malgrado la tecnologia sia ancora a livello dimostrativo, i ricercatori contano di riuscire a sviluppare una versione commerciale di questo sistema entro la metà del 2014. Non ci resta, quindi, che aspettare e vedere come questa tecnologia riuscirà a cambiare e rivoluzionare, nuovamente, la nostra vita quotidiana.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Fujitsu trasforma la carta in un touchscreen  

Tag

,

Articoli simili

Autore

Con una laurea in Architettura presso l’Università di Bologna e un Master in Comunicazione e Management del Brand presso IED è affascinata dal mondo della comunicazione in particolare quella legata al web. Le sono sempre piaciute le sfide e soprattutto ciò la incuriosice di più è la possibilità di intraprendere nuovi progetti e nuove avventure! Entrare a far parte di opinionZine è stata un’ottima opportunità per intraprendere una nuova sfida, per misurarsi con le sue capacità e cercare nuovi stimoli!

 
 

Nessun Commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

 
 

Lascia un commento