Confermata la multa di 860 milioni per Microsoft

 

Tutto cominciò nel 2004 quando l’attuale premier Mario Monti, allora Commissario Europeo per l’Antitrust, inflisse una salatissima multa a Microsoft per abuso di posizione dominante. La sanzione ammontava a 497 milioni di euro. La società di Redmond però non accettò la sentenza motivando il ricorso con la mancanza di termini chiari e linee guida sufficienti per riparare in maniera soddisfacente agli errori commessi.

Alla sentenza inflitta nel 2004 e non rispettata da Microsoft ne seguì un’altra nel 2008 che impose al gruppo la penalità di mora per 899 milioni di euro poiché la Commissione Antitrust Europea riteneva che i tassi di remunerazione proposti da Microsoft per permettere l’accesso alle informazioni relative all’interoperabilità non fossero “ragionevoli”.

Di fatto con il suo atteggiamento Microsoft aveva impedito l’accesso alle informazioni sui propri software impedendo ai concorrenti di realizzare programmi compatibili.

Oggi, dopo un ricorso durato 4 anni, arriva la conferma definitiva della sanzione inflitta nel 2008, pur concedendo a Microsoft uno sconto del 4% sull’importo dovuto, portando la sanzione a 860 milioni di euro.

A Redmond ovviamente non hanno apprezzato la decisione del giudice e fanno sapere che sono pronti ad un nuovo ricorso presso la Corte di Giustizia dell’Unione Europea, l’ente che può occuparsi dei ricorsi presentati dagli stati membri, dalle istituzioni e da persone fisiche e giuridiche. Insomma Microsoft prepara tutti i documenti e sperando forse in un’esito differente dell’intera vicenda.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Confermata la multa di 860 milioni per Microsoft  

Tag

, ,

Articoli simili

Autore

Articolista per passione, appassionato di tecnologia, fan di Apple e appassionato di Serie Tv e Telefilm. Qualche volta capita anche qualche giochino per PS3 e Xbox, ma senza esagerare. Auto e moto parte delle sue passioni, ma le due ruote lo emozionano di più... Quando si dice : "La vita è un brivido che vola via", quale meglio di una moto?

 
 

Nessun Commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

 
 

Lascia un commento