Con Facebook puoi condividere anche la tua musica

 

Il tasto” Ascolta” è comparso nei giorni scorsi sulle pagine Facebook degli artisti musicali più conosciuti di fianco a “mi piace”.Il nuovo pulsante è stato pertanto inserito sui profili ufficiali di cantanti e band, ed è situato al di sotto dell’immagine di copertina della Timeline del relativo profilo ufficiale.

La novità? con questa nuova funzionalità si potranno ascoltare i brani musicali di un determinato artista in streaming direttamente sul social network.

Attraverso le piattaforme musicali integrate come Spotify e Deezer è ora possibile fare un’altra attività su Facebook: non solo fare “ like”, commentare, condividere, caricare video e foto, ma anche ascoltare musica. Il brano che si starà ascoltando potrà essere “condiviso” anche sulla propria bacheca, con un apposito post che indica l’azione. Un nuovo fantasioso modo per intrattenere i numerosissimi utenti di facebook con una delle attività favorite dall’utenza del social network: ascoltare buona musica.

Madonna Facebook

Un servizio aggiuntivo che naviga sempre sul concetto della condivisione. Ogni volta infatti che si premerà il pulsante Listen ci sarà un aggiornamento automatico del profilo, e tutti gli amici potranno sapere cosa si sta ascoltando in quel momento.

Insomma, dopo la condivisione di stato, foto e videonon poteva mancare la condivisione dell’ascolto.

Vediamo da vicino il funzionamento di questa nuova applicazione. Dopo aver aperto la pagina ufficiale di un cantante è sufficiente cliccare su “Ascolta”. Se non si era mai fatto uso in precedenza di un’ applicazione per ascoltare la musica su Facebook, compare una finestra che richiede l’autorizzazione ad accedere ad alcuni dei propri dati e alla bacheca. Una volta dato il consenso l’applicazione inizia a riprodurre la musica. Lo stesso tasto viene utilizzato per fermare e mettere in pausa le canzoni.

La teoria è quella descritta sopra ma la pratica in alcuni casi si presenta molto diversa. A causa infatti  di alcuni problemi legati alle varie applicazioni per l’ ascolto in streaming  della musica, alcune di queste risultano non funzionanti in tutti i paesi allo stesso modo e in alcuni stati risultano addirittura non accessibili. Il tasto “Ascolta” infatti funziona di norma con Spotify, programma per l’ascolto della musica in streaming, in un numero limitato di paesi, mentre in Italia funziona con Deezer e l’integrazione con il social network è in realtà non molto efficiente.

Dopo aver autorizzato Deezer ad accedere al nostro profilo Facebook, si atterra sul sito del servizio per ascoltare la musica in streaming  e per completare la propria iscrizione.

Il servizio in streaming è in prova gratuita per 15 giorni allo scadere dei quali sono disponibili gratuitamente solo le anteprime di trenta secondi delle canzoni. Per poter ascoltare la musica senza limiti occorre sottoscrivere un abbonamento da 4,99 €  mensili, che diventano 9,99 € se si decide di avere anche i servizi Premium+  che comprendono la possibilità di ascoltare la musica su smartphone o tablet, anche offline.

Spotify  invece funziona in maniera diversa nei paesi in cui è disponibile. Questa piattaforma risulta infatti maggiormente integrata all’interno di Facebook e permette una migliore riproduzione delle canzoni. Quando si clicca sul tasto “Ascolta” infatti si avvia la riproduzione delle cinque canzoni più popolari del proprio artista preferito.

Le varie applicazioni musicali hanno differenti cataloghi a seconda degli accordi con le case discografiche. Potrà quindi succedere che per alcuni cantanti venga proposta un’applicazione e per altri un sistema diverso, cosa che potrebbe complicare la vita agli utenti e vincolarli a più servizi per l’ascolto della musica in streaming attraverso Facebook.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Con Facebook puoi condividere anche la tua musica  

Tag

, , ,

Articoli simili

Autore

Napoletana, laureata in Comunicazione Istituzionale d’Impresa presso l'università Suor Orsola Benincasa e maniaca dei Social Network, anche se 140 caratteri le sembrano sempre troppo pochi. Ha collaborato alla creazione di contenuti per blog su diverse tematiche. La curiosità e l’opinione altrui sono lo stimolo e il motore della sua passione e opinionZine è il pane per i suoi denti.

 
 

Nessun Commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

 
 

Lascia un commento