Cedesi Drago in cambio di un Samsung Galaxy S III

 

Hai per caso un drago che ti avanza? Magari lo hai parcheggiato in cantina? Oppure sai fare bei disegni con i colori pastello? Se è così e sei però di nazionalità canadese può succederti che ti arrivi in regalo un Samsung Galaxy S III da Samsung Canada. Aspetta però non correre subito a rubare i disegni della seconda elementare di tuo figlio perché c’è un’altra condizione che il ragazzo canadese Shane Bennett, ha soddisfatto per essere così fortunato da essere stato notato da Samsung Canada e aver ricevuto in cambio un vero scintillante e personalizzato Samsung Galaxy S III. E questa condizione è… un momento facciamo rewind veloce.

Tutto inizia con una provocazione su Facebook, più precisamente con un messaggio privato inviato da Shane Bennett a Samsung Canada.

Samsung Canada Shane Bennett Galaxy S III Drago

In sintesi il ragazzo che vive a London, quella in Canada, è un cliente fedele di Samsung ed ha comprato quasi tutto dal Brand Coreano e quindi gli è venuto naturale sapere se tanta fedeltà sarebbe stata premiata con un nuovo Samsung Galaxy S III in regalo. Sorprendentemente Samsung Canada risponde e in maniera gentile fa semplicemente notare che non è possibile regalare l’oggetto del desiderio perché altrimenti dovrebbero farlo con tutti. Immaginate la fila di disegni e disegnini postati sulle pagine Facebook di Samsung con tantissime richieste di smartphone in regalo.

E però non finisce qui. La cosa è così strampalata che Shane decide di postarla su Reddit dove acquista una visibilità grandissima con tantissimi commenti di vario tipo e il miracolo succede! Shane Bennet viene contattato da Samsung Canada e riceve a casa un nuovissimo Samsung Galaxy S III il cui dorso ha un drago. Lo stesso drago del disegnino pubblicato da  Shane sulla pagina Facebook di Samsung Canada!

Fin qui la storia a lieto fine: Samsung appare come un Babbo Natale fuori stagione e il ragazzo canadese ha dimostrato che può anche succedere l’impossibile. Se però facciamo un passo indietro e analizziamo questo aneddoto con occhi più smaliziati ne esce fuori un quadro un po’ più complesso e articolato. Chi ha avuto il vero regalo? Il ragazzo canadese o Samsung? Se cerchiamo su google.com la parola chiave “samsung shane” osserviamo ben 6,880,000 risultati! In pratica milioni di blog in tutto il mondo hanno riportato questa incredibile storia. Milioni di post e articoli in cui Samsung viene citata decine e forse centinaia di milioni di volte. Se solo pensiamo al fatto che la storia è stata seguita da importanti riviste di settore come TechCrunch, che ha pubblicato una serie di foto in cui si vede Shane nel momento in cui apre  il pacco inviatogli da Samsung Canada, possiamo immaginare l’enorme portata di questo evento.

Quanto sarebbe costata in termini di costi pubblicitari una campagna di queste dimensioni se fosse stata pianificata? Avrebbe alla fine portato gli stessi risultati? Molto probabilmente i costi sarebbero stati enormi e non ci sarebbe stata la ricaduta di immagine che è derivata da questo evento!  Un piccolo regalo ha inoltre consentito a Samsung di cominciare ad entrare nell’immaginario di milioni di persone. I Brand, come ha dimostrato Apple, non sono infatti solo fatti di cura del design e attenzione per il cliente, ma possono diventare qualcosa di più.

Un ultimo aspetto che trovo un po’ curioso di questa storia è che tutto ruota intorno ai due disegni del drago e del canguro. Se pensiamo a quanto siano state enfatizzate da Samsung le applicazioni dedicate al disegno sui nuovissimi Galaxy Note II e il Galaxy Tab 10.1 la coincidenza appare quanto meno singolare. Sarà un caso?

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Cedesi Drago in cambio di un Samsung Galaxy S III  

Tag

, ,

Articoli simili

Autore

Con la testa tra le nuvole perché viaggia molto, anche se gli amici ne danno più maliziose interpretazioni. Sempre interessato a tutti i giocattoli tecnologici, è stato programmatore, sistemista, commerciale, esperto webmarketing e ora si diverte a giocare a guardie e ladri con Google. Dicono di lui che fa le cose sul SEO. Nella sua vita segreta passa il tempo ad importunare le applicazioni mobile e a flirtare con più dispositivi in una volta.

 
 

Nessun Commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

 
 

Lascia un commento