Amazon a lavoro per un serivizio di streaming musicale

 

Lo streaming sta diventando la nuova frontiera della musica digitale. Il termine indica dei dati audio/video che partono da una sorgente ed arrivano ad una o più destinazioni. Amazon, dopo Google ed Apple, avrebbe intenzione di creare un proprio servizio di streaming musicale, da proporre poi agli utenti sotto forma di abbonamento.

L’azienda dispone già di qualcosa di simile, si tratta di Amazon Cloud Player, che è un lettore di musica digitale che permette di archiviare, gestire e riprodurre i propri brani musicali su browser web o su dispositivo compatibile. Recentemente Amazon ha esteso la fruibilità di questo strumento non solo all’iPhone ma anche all’iPad. Oggi, ogni utente iPhone, iPod Touch ed iPad può scaricare un numero pressoché illimitato di canzoni, arrivando alla possibilità di averne ben 250.000 pagando 25 dollari all’anno.

Il più diretto concorrente è il servizio offerto da iTunes Match, il quale però obbliga ogni utente Apple a scaricare un singolo brano. Cloud Player risulta più immediato, risultando così più efficace di iTunes. La nuova iniziativa pensata dall’azienda di Jeff Bezos andrebbe comunque al di là di questo, e deve essere visualizzata come un servizio del tipo di quello di Spotify.

Quest’ultimo è un servizio musicale on demand lanciato nel 2008 dalla società svedese Spotify AB, che ha decine di milioni di utenti sparsi in tutto il mondo, può essere utilizzato tramite molti dispositivi, e permette di selezionare la musica tramite artista, album, etichetta o genere.

Il limite di ascolto di Spotify dopo un periodo di prova gratuito è di 10 ore al mese. Amazon avrebbe in ogni caso avviato tutti i colloqui preliminari per il lancio dell’iniziativa con le etichette discografiche. Le informazioni precise sono però a tutt’oggi ancora abbastanza scarse, visto che siamo in questo momento alle battute iniziali e si è tuttora lontani dall’aver definito le caratteristiche del progetto in un modo tale da poter presentare all’utenza le effettive funzionalità del servizio. Bisogna tener presente, in ogni caso, che il servizio Cloud Player, che già consente agli utenti di ascoltare brani musicali in streaming dal server di Amazon, permette all’azienda di essere già in possesso di alcune strutture base che consentono di poter proporre senza difficoltà il proprio servizio di streaming musicale.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Amazon a lavoro per un serivizio di streaming musicale  

Tag

, ,

Articoli simili

Autore

La redazione di opinionZine è composta da professionisti, giornalisti e blogger specializzati nei settori di competenza.

 
 

Nessun Commento

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

 
 

Lascia un commento